E IO NON SCENDERÒ PIÙ - Spettacolo arrampicato

Liberamente tratto da "Il Barone rampante" di Italo Calvino  
di e con Sara Molon, Soledad Nicolazzi  
Regia Soledad Nicolazzi 
Produzione Stradevarie, Campsirago Residenza.
 In collaborazione con Teatro dellaTosse




«Quando sarai stanco di star lì cambierai idea!»
«Non cambierò mai idea»
«Ti farò vedere io, appena scendi»
«E io non scenderò più»
E mantenne la parola.


Un percorso tra la terra e il cielo, tra l'infanzia e l'adolescenza, tra la realtà e la finzione per scoprire le avventure di Cosimo Piovasco di Rondò, con il naso all’insù.



SABATO 11 MAGGIO 
Spettacolo 

DOMENICA 12 MAGGIO 
Laboratorio di Teatro e Acrobatica Aerea


NEL GIARDINO STORICO DI VILLA MAJNONI
via Mazzana 1 - Marti (PI)




LO SPETTACOLO  (dai 4 a 101 anni)

I bambini, coinvolti dalle attrici, scoprono le avventure di un ragazzino che vive sugli alberi. In scena i personaggi, una fisarmonica, un’acrobata e burattini di legno. 
La narrazione si alterna a scene grottesche, buffe, poetiche, coinvolgenti: si racconta di com'è star sopra un ramo al tramonto e sentire il profumo delle magnolie e innamorarsi, per la prima volta, a undici anni. Di ladri di frutta, dell'incontro con il temibile Gian de Brughi, il brigante appassionato di libri. E di Cosimo Piovasco di Rondò, il ragazzino che viveva sugli alberi in un mondo tutto suo, ma che riusciva a stare con gli altri come nessuno.
La cantastorie Soledad Nicolazzi suona la fisarmonica e racconta attraverso canzoni, parole e burattini.
L’acrobata Sara Molon si arrampica, si lancia, si dondola, si arrotola su e giù dalle sue corde in un susseguirsi di acrobazie.
E io non scenderò più parla ai ragazzini dell'amore per la libertà e per la scoperta della natura,
dell'avventurosa ricerca d'identità che c'è in ognuno, della voglia di crescere e al tempo stesso di restare bambini. Delle prime infatuazioni amorose e della passione per la lettura, che inaspettatamente può prender tutti, inclusi i briganti, i ragazzini terribili, gli scansafatiche e le pecore nere.





PROGRAMMA:

Sabato:
H 16.00 merenda offerta da NaturalmenteCrescendo
H 17.00 inizio spettacolo
dalle 19.00 per chi vuole fermarsi a mangiare con noi ....pizza !!!

Domenica:
h 10.00 - h 16.00 laboratorio di teatro e acrobatica aerea (eta' 7-14)
pranzo al sacco

COSTI

SPETTACOLO: 
10 euro intero
8 euro ridotto bambini sotto i 15 anni

LABORATORIO
25 euro


INFO :
335.5337492 ( Pace)  3384003798 (Ella)

PRENOTAZIONI: 



RASSEGNA STAMPA

«Si tratta di un mix tra caccia al tesoro, travestimenti, stornelli alla fisarmonica e arrampicate circensi. SoledadNicolazzi e Sara Molon creano uno show bislacco, tra rami volti verso il cielo, personaggi evanescenti e briganti pensili. I bambini assistono allo spettacolo giocando e mangiando la frutta disseminata nel bosco. Ma ci sono anche le voci fuori campo di altri bambini, che ci raccontano dell’amore.
E scopriamo che i loroocchi candidi, filtrati dall’immaginazione, capiscono e conoscono l’amore assai meglio di noi adulti.»
Vincenzo Sardelli, Krapp's Last Post, 27 giugno 2018.

«In un parco ravvivato dai colori dell’incipiente primavera, l’evento era da annoverare a Milano tra quanti con maggior convinzione hanno avvicinato negli ultimi tempi i ragazzi alla natura. La performance esemplare di due acrobatiche (in ogni senso) attrici sulla scia del “Barone rampante” di Italo Calvino andava e ancora va letta come un invito a ribellarsi alle sirene del consumismo e, a ben vedere, anche alla montagna luna park. [...] Ben presto lo spettatore s’immedesima in quella vita alternativa così estranea al mondo in cui vive eppure ancora “possibile”, forse desiderabile. Se soltanto si avesse il coraggio di mettere un ragionevole rgine all’impiego di tablet e smartphone da cui tutti i nostri atti sembrano ormai dipendere. [...]
Nella genesi dello spettacolo, che merita una lunga serie di repliche, conta molto l’esperienza della stessa Nicolazzi laureata in Scienze dell’Educazione, autrice, attrice e regista, che da anni si occupa di teatro, tradizione orale, musica popolare e che a Milano ha replicato a lungo uno dei suoi spettacoli preferiti, “Ciclonica”, monologo per donna in bicicletta. “Ho passato parte della mia prima adolescenza”, racconta Soledad, “accovacciata tra i rami di un melo o di un ulivo a leggere libri di nascosto e a immaginarmi protagonista d’improbabili avventure. L’albero, capanna, castello, rifugio, era un posto solo mio: i grandi con le loro Fissazioni assurde e le loro richieste stavano giù, ben lontani. Concedevo ogni tanto qualche visita al mio fratellino, e per il resto più che un gioco era un guardare il mondo da un’altra prospettiva”.»
Mountcity

Commenti

Post più popolari